domenica 4 dicembre 2011

LA BIONDINA VOLANTE ..ED UN FANTASTICO COLLINARE CON VARIAZIONI!

L’appuntamento era alle 9 al Campo Tevere, ma gli sbalzi di corrente nella nottata hanno mandato in tilt le elettroerosioni e quindi ho perso un po’ di tempo per farle ripartire e sono arrivato con un pizzico di ritardo!..
Ma Sergino, Michele, la Cri e una biondina erano ancora lì ad aspettarmi
…grazie e scusate il ritardo!
Si parte per l’argine risalendo la corrente del Tevere chiacchierando del più e del meno ..ma sempre di corse e di allenamenti si parla eh!
Il ritmo da riscaldamento impostato risulta un tantino eccessivo per i maschietti che hanno ancora sulle gambe l’intera maratona di Firenze, mentre le ragazze vengono via che è una meraviglia e allora..?
Va bene la Cri che è reduce dalla sfortunata Maratona di Firenze ma si allena tanto e ci stà!
..ma la biondina che non ho mai visto correre? ..e dei tre è quella che parla di più?
Finalmente quando lei si presenta in corsa, dato che ne io ne gli altri avevano avuto modo di farlo, capisco di chi si tratta, eh si il nome non era nuovo e in passato i suoi tempi avevano fatto parlare di lei!
Legge il mio blog e mi fa capire che devo aggiornarlo più spesso ..e ha ragione!
Poi riallacciandosi ad uno dei miei ultimi post mi racconta di quando corse lei il 10000 della “Corsa dei Becchi” a Sant’Arcangelo di R. in poco più di 35’!!! ..e la Lamarina a 3.32 di media ..3^ assoluta dietro a 2 Russe
...eehh!?
..e poi la mezza in 1h16’..ma fatta così senza prepararla a dovere, perché lei viveva in pista e i 4, gli 8 e i 1500 erano le sue gare e via via numeri sempre più impressionanti  ..ora mi pare di ricordare un 4.20 sulla distanza più lunga..
..ma se sbaglio mi puoi correggere, tanto ora so che leggi!
Era forte e quando capisco che ha voglia di rimettersi in gioco glielo dico subito che tornerà ad esserlo, perché è così! e quando uno forte c’è andato, se si allena prima o poi torna ad andarci, perchè le qualità ce l’ha e nessuno gliele toglie!
Le saluto dopo una 25ina di minuti quando tornano indietro a recuperare i maschietti ed io mi dirigo verso la salita delle nane per iniziare il mio lavoretto..
Saranno15 variazioni di 1’/1’ sul fantastico percorso collinare del giro di Gragnano passando per le sponde bagnate dal lago di Montedoglio dove tra una salita ed una discesa incontro pure Andrea in mtb.
 ..il giro di per se è una favola, ma fatto da solo è stato semplicemente bellissimo..
Sarà anche per questo che il fastidio alla gamba sx non lo ho avvertito quasi per niente!!
..1h 25’ in Paradiso ..Bene no!
P.S. ..E anche questa settimana si chiude con oltre 100 km percorsi

9 commenti:

  1. E si caro Albe,la biondina è una che la sa lunga(l'ho già detto tempo fa a qualcun altro..)Io me la ricordo sul castano chiaro,capelli a caschetto.Seria,forse fin troppo per l'età di allora. Mezzofondista veloce di assoluto valore,tra le primissime in tutta la toscana, a livello locale non ha mai avuto rivali neanche nelle distanze più lunghe e con i suoi ritmi non ne avrebbe neanche ora.Erano altri tempi..in tutti i sensi.Venti,venticinque e più anni fa quando una ragazza iniziava a correre non lo faceva per mantenersi in forma come il più delle volte succede adesso.C'era sicuramente una motivazione più profonda,una passione innata,un amore spontaneo per questo sport.Anche se eravamo ragazzini si considerava l'atletica una disciplina più che un gioco e un divertimento, come magari potevano essere altri sport e questo voleva dire fare dei sacrifici.Ma fare dei sacrifici non voleva dire sempre ottenere dei risultati, così tanti amici si sono persi per strada anche quelli più talentuosi.Del resto a quell'età è più forte il bisogno di "conoscere"il mondo piuttosto che rinchiudersi in pista tutti i giorni a fare andature,saltelli e ripetute lattacide...Ma per alcuni è andata diversamente e sono quelli che hanno imparato a crescere insieme alla fatica,quelli che hanno fatto della disciplina un punto di riferimento uno stile di vita.
    F.è una di questi,una ragazzina delle categorie giovanili che ha passato gran parte della sua gioventù ad allenarsi in pista inseguendo i suoi sogni,diventando col tempo una specialista di alto livello.
    Un suo ritorno alle gare amatoriali farà sicuramente preoccupare qualcuno,ma già questo è uno stimolo.Ad altri, come me, che come lei sono cresciuti a pane e corsa...non può che fare piacere. Bentornata!!!
    Ciao,un amico..

    RispondiElimina
  2. Il talento è talento, anche a 70 anni. Se ne ha, e da quel che leggo ne ha parecchio, ma soprattutto ha ancora voglia di mettersi in gioco beh, che sia la benvenuta! Che possa essere da esempio per un po' di giovani ragazze, quanto ne ha bisogno il nostro movimento...
    Da un po' non giravo nel tuo blog, fatico a seguirli tutti, bello il nuovo look! Ciao Albe

    RispondiElimina
  3. ANONIMO: Speriamo che torni a gareggiare presto allora..

    RispondiElimina
  4. OLIVER: Ciao! ..mi piace cambiare look ogni tanto! eheh grazie..

    RispondiElimina
  5. Forse sta biondina, rimettersi in gioco è una buona idea...

    RispondiElimina
  6. Volevo dire FORTE sta biondina...

    RispondiElimina
  7. CHICO: Si lo farà! ..e se ho ben capito lo farà a modo suo!

    RispondiElimina
  8. Gran bel giro Albe! Il sabato dopo l'ho fatto pure di corsa passando da S.Pietro...per fare il collinare è una favola!!! Se ci aggiungi poi i primi 3 Km di Viamaggio e lo allunghi lungo il Tevere viene fuori un giro completo di tutto!
    Vorrei sottolineare che la "biondina" ha fra le altre doti l'umiltà: so per certo che ha ripreso a correre con persone molto, ma molto meno veloci di lei ed è la prima a fermarsi per aspettare gli ultimi, non lesinando consigli utii e preziosissimi soprattutto a coloro che si stanno avvicinando a questo sport.
    Alla maratona di Firenze l'ho vista aspettare qualche amico/a dell'Avis intorno al 30/35° Km. per accompagnarlo/a negli ultimi Km. di fatica.
    Ciao
    Andrea

    RispondiElimina
  9. ANDREA: Quel giro come collinare e come panorama ha pochi eguali e tu che vieni da una maratona puoi aggiungere i pezzi che vuoi! ..per me bastava il giro semplice semplice ..eheh
    Per quanto riguarda la sua umiltà, dev'essere quella tipica del campione che non deve dimostrare nulla a nessuno perchè già i fatti parlano per loro!
    A tal proposito proprio oggi in pausa pranzo mi sono allenato con Diego che non ha avuto problemi a rinunciare al suo lavoro in programma per aiutarmi a fare il mio e soprattutto ai miei ritmi..
    Ciao a presto!

    RispondiElimina