sabato 3 novembre 2012

un'esaltante e deludente collinare di metà mattinata..

Metà mattinata, nubi minacciose incombono sulla valle ..pioverà?
nessun problema ..anzi magari piovesse!
Una decina di minuti e lascio l'asfalto proprio quando il mio sguardo incrocia un cartello di legno che indica il sentiero che porta a Solaia, ma ancor prima d'arrivare al casolare eccone un'altro con scritto Bocca Trabaria e indica una mulattiera pavimentata da grossi sassi che si dissolve tra i folti alberi
 ..è un'attimo e sono già nel bosco.
E' un bosco nuovo e un nuovo sentiero da esplorare. 
Sono in un'altro mondo in un'altra dimensione e più mi spingo oltre e più sento di farne parte.
Corro, spingo e salgo, a volte saltando di pietra in pietra, sempre curioso di vedere cosa c'è oltre la prossima curva o alla fine dell'ennesima salita.
Qualche uccello e strani rumori dal bosco mi dicono che non sono solo e soprattutto mi rammentano che sono ospite in casa d'altri e quindi col massimo rispetto continuo la mia ascesa fino ad incrociare un nuovo sentiero che cavalca il crinale.
Corro da oltre 40' e le prime gocce toccano terra mentre decido di rientratre verso valle.
Questo nuovo sentiero è molto più largo e dal fondo pittosto uniforme e scende gradualmente agevolando la mia folle corsa, non mi vedo e non so nemmeno se stò ridendo ma tale è la mia serenità interiore che mi pare di volare e continuando a scendere quando la via cambia direzione disegno a piacimento le varie traiettorie come il pennello di un pittore che scorre ondulato sulla tela lasciando la sua scia di colore.
Poi?! ..che succede??
All'improvviso la macchia si dirada e quà e là le piante non sono più loro, scorgo tronchi inceneriti e più vado avanti e più sono fitti.
Sono confuso e rallento fino a fermarmi dal tutto.
Quì ora il silenzio è assordante e mi sento spaesato mentre realizzo che sono in un punto dove l'incendio dell'estate scorsa ha azzerato tutto e rimangono soltanto tanti tronchi inceneriti messi là come lapidi in un cimitero americano.
Di colpo la magia è svanita!
 Mi viene da piangere mentre il pensiero va ai tanti animaletti che abitavano questi posti. e la rabbia sale solo al pensiero di far parte di questa specie animale che in alcuni atteggiamenti di umano non ha proprio niente.
Termino mesto la mia corsa che già piove a dirotto dopo appena 81' cercando di capire quale sia il grado di ignoranza che può portare certe persone a compiere tali scellerati gesti..

6 commenti:

  1. un vero peccato ma ti consiglio di andare e tornarci, lo vedrai piano piano rinascere e contribuirai a tenerlo vivo e vissuto, scoprendo ora percorsi piatti a aperti ma scoprendo piano piano come la natura sappia riappropriarsi di cio che è inevitabilmente suo! La prossima andrà meglio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. certo Simo, ci tornero ogni volta che ne sentirò il bisogno ..quelli sono i miei posti..a presto e stammi bene!

      Elimina
  2. Purtroppo uno dei grandi problemi che si abbatte sull'Italia.
    Davvero un peccato che tale natura venga rovinata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..è un vero peccato che esistano certe persone!!

      Elimina
  3. grande Albe... ti seguo con curiosità... ciao Jump (Atletica Urbania)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Jump ..ma chi sei? ne conosco diversi della tua squadra e sicuramente ci siamo già visti..e a parte il mio presidente siete tutti brava gente! ;)

      Elimina